Carboidrati vs Lipidi

2 commenti Share:

Negli articoli precedenti, ho elencato le varie funzioni dei carboidrati e dei grassi, ora mettiamo a confronto su chi è il migliore combustile per le nostre attività, sempre che ce ne sia uno migliore o peggiore dell’altro e creiamo un vero match: Carboidrati Vs Lipidi!!

Un esempio interessante di tale confronto, lo studiai in biochimica all’Università. Prima dell’inizio dell’ incontro, presentiamo i due contendenti: all’angolo blu Glucosio, del  team Carboidrati; all’angolo rosso Acido Stearico, per il team Grassi.

Questi due hanno una formula bruta abbastanza simile. Andiamo al match dopo aver presentato i due contendenti al titolo (vedi I Carboidrati e I Grassi).

I – Round

Questo round, vede i due confrontarsi sul contenuto energetico e, facilmente, la vittoria va ai Grassi che, a parità di peso, l’apporto calorico dei Lipidi è più del doppio rispetto a quello dei Glucidi.

II – Round

Grassi sempre in vantaggio, anche se di poco, nel Recupero Energetico.

Vediamo cosa è successo:

Calcolando le moli, ossidando una mole di glucosio, si riformeranno 38 moli di ATP. Una mole di glucosio contiene 720 Kcal; 38 moli di ATP ricostituite hanno immagazzinato 277 Kcal, per cui si ha:

277/720= 38,5% (energia recuperata)

Ossidando una molecola di acido stearico, verranno riformate 146 molecole di ATP. Una mole di acido stearico contiene 2556 Kcal; 146 di moli di ATP ricostituite hanno immagazzinato 1066 Kcal, per cui si ha:

1066/2556=41,7% (energia recuperata)

Quindi, anche se di poco, questo round se lo riaggiudicano i grassi.

III – Round

Ora, i due sfidanti si contendono il rendimento in consumo di O2. Qui i carboidrati reagiscono per ribaltare lo svantaggio con l’avversario.

Bruciando glucidi, viene prodotta più ATP rispetto agli acidi grassi a parità di O2. Questo significa che il combustibile glucosio, comporta un minore impegno della pompa cardiaca nella distribuzione del comburente a parità di energia prodotta.

E’ sempre così? Ni!

Perchè?

Perchè dipende da varie situazioni e il corpo umano sceglie il combustibile in base:

  1. Adattamento del muscolo
  2. Intensità dello sforzo e del tipo di esercizio
  3. Disponibilità sul momento dei combustibili

IV – Round

Anche il IV round vede il glucosio prevalere sull’acido grasso, per via della sua maggiore rapidità di mobilizzazione. In soldoni, la riserva di glucosio, ha una disponibilità più immediata rispetto alla riserva energetica rappresentata dagli acidi grassi.

V – Round

Ritornano in vantaggio i grassi che grazie alle loro maggiori riserve, risorpassano i carboidrati. Anche a riposo la durata delle riserve di glicogene sono inferiori alle 24h, mentre la quantità di trigliceridi e di grassi corporei  non è così limitata, anzi…

Per quanto riguarda gli sportivi le percentuali di grasso corporeo oscillano da un minimo di 5% al 25% (20% per gli uomini, 25% per le donne), oltre tale percentuale i rischi alla salute possono essere alti.

Riassumendo il match in todo, i grassi hanno vinto il confronto, però osservando bene in realtà, non vince nessuno dei due. Il corpo umano tende a cercare un equilibrio e in base alle situazioni più favorevoli si adatta. Noi siamo nettamente più stupidi di quanto possa funzionare il nostro corpo, perchè ragioniamo che un qualcosa deve essere sempre superiore ad un’altra, senza mai pensare che le cose stanno nell’equilibrio.

By Roberto Calandra

Previous Article

Allenamenti del 02-03/02/2015

Next Article

Deadlift – 230×3

Ti potrebbero interessare

2 commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: